«Torna all'indice del glossario
polo posteriore dell'occhio

Il polo posteriore dell'occhio o segmento posteriore dell'occhio è il termine oftalmologico usato per descrivere lo spazio tra la parte posteriore dell'occhio cristallino e la parete posteriore dell'occhio dove il retina, la umor vitreo e il nervo ottico.

Lo studio di quest'area del bulbo oculare è importante per diagnosticare e trattare condizioni come emorragie o degenerazione nel tempo.

Lo studio regolare del segmento posteriore dell'occhio consente di evitare lesioni che colpiscono il funzione retinicaCome retinopatia diabetica.

En Área Oftalmológica Avanzada Spieghiamo in modo approfondito qual è il polo posteriore dell'occhio e le parti che lo compongono. 

Quali parti costituiscono il polo posteriore dell'occhio?

Nel segmento posteriore dell'occhio ci sono strutture essenziali per la visione centrale e periferica.

Le parti del polo posteriore sono: 

La retina 

È il tessuto fotosensibile su cui vengono focalizzate le immagini che passano attraverso l'obiettivo. La retina converte le immagini in impulsi nervosi. 

nervo ottico

È una struttura formata da più di un milione di fibre che ne sono responsabili trasportano gli impulsi nervosi dalla retina al cervello per creando le immagini.

la macula 

Lo identifichiamo come una piccola macchia gialla che si trova sulla retina ed è responsabile della visione centrale. Il macchia è la struttura con la più alta densità di bastoncelli e di conseguenza è responsabile della percezione dei dettagli, dei movimenti e del riconoscimento facciale delle persone. 

umor vitreo 

È un gel che si trova nella cavità interna dell'occhio e la cui funzione è quella di mantenere la forma dell'occhio e garantire che la superficie della retina sia uniforme in modo da ottenere la corretta ricezione delle immagini. 

Valutazione del segmento posteriore oculare, come si fa?

Il segmento posteriore oculare viene studiato attraverso a oftalmoscopia. Questo strumento di esplorazione permette all'oculista di studiare, attraverso strutture trasparenti come il pupilla e cornea, strutture posteriori come retina, macula e nervo ottico. 

L'oftalmoscopia viene eseguita utilizzando un oftalmoscopio, che è una specie di torcia elettrica amplente che proietta un raggio di luce nell'occhio.

Grazie a questo strumento, l'oftalmologo può vedere le immagini del segmento posteriore con ingrandimento e quindi individuare dettagli difficili da vedere come i vasi sanguigni.

Patologie più comuni del segmento posteriore dell'occhio

Attraverso un'oftalmoscopia, il segmento posteriore dell'occhio può essere studiato per prevenire, diagnosticare e trattare correttamente diverse condizioni.

Le patologie più rilevanti del segmento posteriore oculare sono: 

Retinopatia diabetica 

È una condizione che colpisce le persone con diabete e provoca il deterioramento dei vasi sanguigni della regina. Il retinopatia diabetica provoca progressivamente la perdita totale della vista. 

Degenerazione maculare legata all'età

È un disturbo che diminuisce progressivamente la visione centrale e acuità visiva. il DMAE È causato da danni ai vasi sanguigni che forniscono la macula e generano gradualmente questa macchia nel corso degli anni. 

Glaucoma 

È il risultato di un insieme di condizioni che determinano a Aumento della pressione intraoculare e colpisce progressivamente il nervo ottico. Il glaucoma Deve essere trattato con l'obiettivo di prevenire la perdita totale della vista nel paziente.

Vuoi consultare altri aspetti sul polo posteriore dell'occhio? In Área Oftalmológica Avanzada Abbiamo i migliori professionisti per rispondere alle tue domande. Rimani in contatto con noi!

Riassunto
polo posteriore dell'occhio
Nome articolo
polo posteriore dell'occhio
Descrizione
Il polo posteriore dell'occhio è costituito dalle strutture che consentono una corretta visione centrale e periferica. Ti diciamo quali sono.
Autore
Nome dell'editor
Área Oftalmológica Avanzada
Il logo dell'Editor
Sinónimos:
segmento posteriore dell'occhio, segmento posteriore oculare, polo posteriore oculare
«Torna all'indice del glossario