«Torna all'indice del glossario

L'opacizzazione del mezzo trasparente oculare (cristallino o cornea) può degradare gravemente la qualità dell'immagine che raggiunge il retina. L'OSI (Objective Scatter Index), in castigliano Objective Dispersion Index, è un parametro che permette di quantificare la dispersione della luce e di determinare la qualità visiva di un paziente in base all'opacizzazione del mezzo e alla qualità della lacrima.

L'OSI è un indicatore importante che deve essere preso in considerazione nei pazienti che vogliono sottoporsi a a chirurgia refrattiva, chirurgia della cataratta, operazione di presbiopia o soffrire secchezza oculare, poiché l'aumento di questo parametro è associato all'opacizzazione delle strutture trasparenti dell'occhio e all'essiccamento dell'occhio.

En Área Oftalmológica Avanzada Di seguito spieghiamo cos'è l'OSI (Objective Scatter Index), cosa misura ea cosa serve.

OSI (indice di dispersione del target)

Che cos'è l'OSI (Indice di dispersione dell'obiettivo)?

L'OSI (Objective Scatter Index) è l'indice di dispersione oggettiva della dispersione dei media opachi nell'occhio. Questo indice ci permette di misurare la qualità dell'immagine che viene proiettata sulla retina dell'occhio. Per effettuare il test OSI, un punto luminoso ben definito viene emesso dall'esterno in direzione dell'occhio e si valuta la quantità di luce che esce (viene riflessa) sulla retina. Calcolando la dispersione della luce che è uscita rispetto a quella che abbiamo emesso, calcoleremo l'OSI. Per effettuare il test OSI è necessario disporre di una tecnologia specifica, come la Analizzatore HD.

Il test OSI utilizza la tecnica del double-pass, ovvero in una prima fase inviamo un punto luce verso la retina e nella seconda analizziamo la luce che si riflette su di essa tramite un sensore calibrato appositamente per questo scopo. Grazie al sistema a doppio passaggio possiamo conoscere la dispersione della luce (Scatter) che raggiunge la retina poiché su di essa non può essere posizionato un sensore.

L'OSI è di grande aiuto per valutare la diffusione della luce e la qualità visiva. Maggiore è il valore OSI, maggiore è il livello di trasmissione. Si ritiene inoltre che un occhio con un OSI elevato possa subire un processo di essiccazione, a causa di problemi di ammiccamento, secchezza oculare e sindrome dell'occhio. ojo seco

Cosa misura? 

L'OSI è una misura che può essere facilmente ottenuta attraverso apparecchiature tecnologicamente avanzate e precise, come la Analizzatore HD e, grazie ad esso, possiamo calcolare molto facilmente la qualità ottica di un paziente. 

L'OSI misura la dispersione della luce nell'occhio, ovvero quanto la luce viene dispersa rispetto al suo punto centrale. Questa misurazione, quindi, permette di rilevare la qualità delle immagini sulla retina e, quindi, la qualità visiva del paziente. 

Che cosa è?

L'OSI è un parametro complementare da tenere in considerazione prima della chirurgia refrattiva, poiché questo valore può indicare quanto sia affidabile il calcolo della correzione basato sulla qualità della lacrima e su quanto sia preparata la cornea a rimanere sana e idratata durante il periodo postoperatorio di chirurgia. 

Inoltre, un'OSI elevata è un importante indicatore di opacità delle strutture oculari. Questa informazione è rilevante poiché, se un paziente pensa di sottoporsi a un intervento chirurgico per presbiopia laser, ma il test OSI ci dà valori elevati, saremo in grado di identificare che è iniziato il processo di cataratta (opacizzazione del cristallino), quindi affronteremo la presbiopia attraverso un'altra opzione chirurgica più appropriata per la condizione di quel particolare paziente come come chirurgia della lente trasparente (facorefrattiva).

Il terzo utilizzo dato all'OSI (Objective Scatter Index) è la valutazione della sindrome dell'occhio secco. Lo fa effettuando un'analisi della dispersione della luce riflessa in un periodo di tempo. Per eseguire l'analisi dell'occhio secco, chiederemo al paziente di tenere l'occhio aperto per 10-20 secondi dopo aver battuto le palpebre più volte. Durante questo periodo, l'analizzatore HD effettuerà misurazioni ogni 0,5 secondi per vedere l'evoluzione della dispersione della luce rispetto al punto centrale durante la rottura e l'evaporazione della lacrima. Minore è la dispersione della luce, migliore è la prognosi dell'occhio secco.

L'occhio secco è un problema multifattoriale che spesso produce un significativo deterioramento della vista e l'OSI può aiutare noi oculisti a determinare non solo l'essiccamento dell'occhio dei pazienti con occhio secco, ma anche il deterioramento della sua qualità visiva così come il suo efficacia del trattamento degli occhi secchi.

En Área Oftalmológica Avanzada Disponiamo della tecnologia più recente per misurare l'indice di dispersione oculare OSI e offrire a tutti i nostri pazienti diagnosi più accurate. Non esitare a contattarci se hai bisogno di una revisione completa della tua visione, siamo felici di aiutarti! 

Riassunto
OSI (indice di dispersione dell'obiettivo)
Nome articolo
OSI (indice di dispersione dell'obiettivo)
Descrizione
L'OSI (Objective Scatter Index) è l'indice di dispersione oggettiva della dispersione dei media opachi nell'occhio. Questo indice ci permette di misurare la qualità dell'immagine che viene proiettata sulla retina dell'occhio.
Autore
Nome dell'editor
Área Oftalmológica Avanzada
Il logo dell'Editor
«Torna all'indice del glossario