«Torna all'indice del glossario
muscoli extraoculari

Affinché l'occhio abbia una mobilità normale, che gli consente di rispondere a ogni riflesso o comando, ha bisogno dell'aiuto di 6 muscoli che sono chiamati muscoli estrinseci, muscoli extraoculari o MEO.

Queste strutture sono simili a quelle dello scheletro, ma hanno fibre corte che le aiutano a contrarsi più rapidamente. 

Grazie ai muscoli extraoculari, l'occhio può eseguire movimenti monoculari detti duzioni e movimenti oculari binoculari paralleli, detti versioni, e non paralleli, detti verge. La somma di tutti questi muscoli oculari rende possibili i movimenti oculari.

En Área Oftalmológica Avanzada Spieghiamo di seguito quali sono i muscoli estrinseci dell'occhio. 

Quali sono i muscoli extraoculari?

L'occhio può eseguire diversi movimenti grazie all'azione di tre paia di muscoli noti come muscoli extraoculari o estrinseci.

Il primo paio di muscoli sono il retto orizzontale, poi ci sono il retto verticale e infine gli obliqui. Questi sei muscoli sono essenziali per il movimento degli occhi e il corretto fissazione stessa.

Ciascuno dei muscoli estrinseci esegue azioni specifiche che dipenderanno strettamente dalla forza esercitata dal muscolo in relazione alla linea visiva principale e dal suo inserimento nell'occhio rispetto al suo centro di rotazione. 

I muscoli extraoculari sono costituiti da fibre molto corte che hanno il potere di contrarsi rapidamente.

Inoltre, questi muscoli sono innervati, cioè hanno una fibra nervosa per ogni fibra muscolare, che permette il movimenti oculari sii preciso.

Quali sono i muscoli estrinseci dell'occhio?

Ci sono tre paia di muscoli oculari estrinseci, quattro diritti e due obliqui.

Conoscere nel dettaglio la funzione di ciascuno è fondamentale per comprenderla motilità oculare

Retto interno o mediale

Il muscolo retto mediale è il più spesso e il più forte di tutti i MEO.

Questo muscolo si trova sulla parte interna dell'anello Zinn, in particolare sui tratti mediale inferiore e superiore, e da lì si estende alla parte mediale del orbita per poi essere inseriti 5.5 ml dal limbus sclerale. 

La sua funzione primaria è l'adduzione e il suo compito principale è guidare l'occhio all'adduzione del naso. Il muscolo retto mediale ha un'azione secondaria e terziaria minima. 

Esterno dritto o laterale

È la più lunga delle EOM e ha origine dalla zona laterale dell'anello Zinn alla parete laterale dell'orbita, a quel punto il muscolo è separato dal grasso periorbitale e si inserisce a 6.9 mm dal limbus sclerocorneale.

La funzione primaria di questo muscolo è quella di abduttore e separatore, questo permette di muovere l'occhio verso la tempia. Il muscolo retto laterale ha un'azione secondaria e terziaria minima. 

Retto superiore

Questo muscolo aiuta a guidare l'occhio verso l'alto e la sua funzione principale è l'abduzione.

Questa struttura ha origine dall'anello tendineo comune, tra i tratti superiori e sopra il dotto nervo ottico; quindi si estende fino a quando non viene fissato sul sclera 7,7 mm dal limbus sclerocorneale.

Il retto superiore è innervato dalla divisione superiore del terzo nervo cranico o nervo oculomotore.

Tra le sue funzioni vi sono l'elevazione dell'occhio nella posizione dello sguardo primario e l'adduzione come azione secondaria e terziaria quando l'occhio non è nella posizione primaria. 

Retto inferiore

È il più corto dei muscoli estrinseci e aiuta a guidare l'occhio verso il basso, che è comunemente noto come guardare in basso. Pertanto, la funzione principale del muscolo è la depressione, la sua azione secondaria è l'estorsione e la sua azione terziaria è l'adduzione.

Questo muscolo si trova nella parte inferiore dell'anello di Zinn e corre lungo la base dell'orbita per inserirsi sulla sclera a 6.5 ​​mm dall'orbita. cornea.

La guaina muscolare del retto inferiore ha una relazione molto stretta con quella dell'obliquo inferiore, entrambi formano il legamento sospensorio dell'occhio.

obliquo superiore 

È il muscolo più lungo di tutti e ha origine dall'ala minore dello sfenoide, in particolare sopra l'anello di Zinn.

Questo muscolo ha una porzione muscolare, che raggiunge la troclea, da cui proviene la porzione riflessa, che si appiattisce e si apre a ventaglio fino ad inserirsi nel muscolo retto superiore.

Il muscolo obliquo superiore si muove in torsione durante la sua azione primaria, depressione nella sua azione secondaria e abduzione nella sua azione terziaria.  

obliquo inferiore 

È l'unico muscolo extraoculare che ha origine nella regione anteriore dell'orbita e avanza lateralmente fino a inserirsi nella parte posteriore del bulbo oculare, al di sotto del retto esterno e molto vicino al macchia Dell'occhio. 

Come sua azione principale, l'obliquo inferiore si estorce formando un piano di 51 gradi con l'asse visivo. Come azione secondaria compie elevazione e come azione terziaria rapisce.

Riassunto
muscoli extraoculari
Nome articolo
muscoli extraoculari
Descrizione
I muscoli extraoculari o MEO controllano i movimenti oculari. Ti diciamo quanti muscoli compongono questa struttura e ciascuna delle sue funzioni.
Autore
Nome dell'editor
Área Oftalmológica Avanzada
Il logo dell'Editor
Sinónimos:
muscoli estrinseci
«Torna all'indice del glossario