«Torna all'indice del glossario
Iride dell'occhio

Ci sono occhi di diversi colori che sono determinati dal carico genetico di ogni persona.

L'iride è la parte colorata dell'occhio che contiene, al centro, un foro rotondo chiamato il pupilla. La pupilla permette il passaggio della luce nell'occhio. 

En Área Oftalmológica Avanzada Spieghiamo cos'è l'iride dell'occhio, a cosa serve e quali sono le principali malattie che la colpiscono. 

Qual è l'iride dell'occhio?

L'iride è la parte colorata dell'occhio, una membrana oculare che si trova tra il cornea e il cristallino.

Al suo centro c'è la pupilla e un insieme di muscoli che la dilatano o si contraggono a seconda della quantità di luce di cui l'occhio ha bisogno per vedere correttamente. 

Il colore dell'iride è determinato dal numero di granuli colorati che contiene, che possono essere marrone, nocciola, ambra, verde, blu e grigio.

Non c'è l'iride nera. Pertanto, quando questa membrana è molto scura, è considerata marrone. 

A cosa serve l'iride dell'occhio?

Molte persone si chiedono quale sia la funzione dell'iride nell'occhio umano.

Questa membrana è più importante di quanto molti pensino, poiché controlla la quantità di luce che entra nell'occhio attraverso la pupilla in modo che le immagini possano essere adeguatamente focalizzate sulla fotocamera. retina

Quando siamo in un luogo con molta luce, l'iride si contrae e quando siamo in un luogo buio si dilata. Cioè, la pupilla si dilata per far entrare più luce nell'occhio e si contrae per evitare che entri troppa luce. 

Un'altra funzione dell'iride è quella di colorare l'occhio.

Molti pazienti ci chiedono cosa determina il colore dell'iride. Più melanina e spessore hanno i fogli che compongono l'iride, più scuro sarà l'occhio. Quando la concentrazione di melanina è bassa e lo spessore degli strati è basso, gli occhi sono di colore chiaro. 

malattie dell'iride

Il colore e l'aspetto dell'iride dell'occhio possono indicare problemi di salute.

Le malattie dell'iride sono:

  • uveite: infiammazione del uvea che colpisce l'iride. L'iride è infiammata, pruriginosa, bruciante, rossa, fotofobia y offuscamento della vista
  • heterocromía: si verifica quando entrambe le iridi di una persona hanno colori diversi. Può anche succedere che la stessa iride abbia più colori.  
  • aniridia: si verifica quando un occhio è privo di iride o la sua formazione è precaria. Le persone con questa condizione soffrono di fotofobia, ipovisione e sono più inclini glaucoma y cataratta congenita
  • albinismo: Le persone con lieve albinismo possono avere iridi di colore chiaro. Le persone con albinismo grave, in cui la carenza di melatonina è molto importante, possono avere iridi viola o rossastre.
  • neoplasie dell'iride: Questa condizione consiste nello sviluppo del nevo nell'iride.
  • iridociclite: questa malattia è il risultato di un'infiammazione dell'iride e corpo ciliare, normalmente associato ad altre patologie come la gonorrea, la tubercolosi o la sifilide.

Come prendersi cura di esso?

Per prenderti cura dell'iride, devi prenderti cura del tutto struttura dell'occhio, evitando l'esposizione diretta alla luce solare o l'uso a lungo termine di schermi digitali

È anche importante partecipare una volta all'anno a controllo di routine con l'oculista. In questo modo, possiamo prevenire qualsiasi condizione oculare che possa influire sulla salute dell'iride.

Ne hai errore di rifrazione? Usa gli occhiali e le lenti a contatto correttamente è un compito da non trascurare per godere di una buona salute degli occhi o, se lo desideri, puoi dimenticartene definitivamente con il chirurgia refrattiva laser.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sull'iride dell'occhio, contattaci e i nostri specialisti all'indirizzo Área Oftalmológica Avanzada Risponderanno alle tue domande.

 

Riassunto
Iride dell'occhio
Nome articolo
Iride dell'occhio
Descrizione
L'iride dell'occhio è la parte colorata dell'occhio, ma conosci la sua funzione e le sue malattie? Te lo diciamo.
Autore
Nome dell'editor
Área Oftalmológica Avanzada
Il logo dell'Editor
«Torna all'indice del glossario