congiuntivocalasia

La irritazione agli occhi si riferisce a molteplici cause, la maggior parte dei quali legati alla sindrome di ojo seco.

Una di queste cause è ciò che sappiamo come congiuntivocalasi, un'entità che di solito passa inosservata in un esame di routine degli occhi, eppure lo sappiamo gioca un ruolo importante nell'origine di questi sintomi di irritazione oculare cronica.

congiuntivocalasia

La irritazione agli occhi si riferisce a molteplici cause, la maggior parte dei quali legati alla sindrome di ojo seco. Una di queste cause è ciò che sappiamo come congiuntivocalasi, un'entità che di solito passa inosservata in un esame di routine degli occhi, eppure lo sappiamo gioca un ruolo importante nell'origine di questi sintomi di irritazione oculare cronica.

Cos'è la congiuntivocalasia?

La la congiuntivocalasia è una patologia della superficie oculare caratterizzata da un eccesso di congiuntiva, in particolare la congiuntiva bulbare inferiore, che provoca delle pieghe questo, tra il globo e il bordo libero della palpebra inferiore.

generalmente appare con l'età, da 60 anni , anche se può verificarsi anche prima.

Cause della congiuntivocalasi

Non la causa è ben nota di questo processo ma la maggior parte degli studi indica una perdita di aderenza della congiuntiva con la sclera (1,2) . L'origine di questo fatto può essere molto varia, da:

  • atrofia fisiologica della capsula del tenone, a causa dell'età
  • Pazienti che si sfregano frequentemente gli occhi, come nei casi di allergia congiuntivale, dove sarebbe presente una componente infiammatoria in grado di accelerare il degrado della congiuntiva e del tenone
  • Nei casi di ojo seco, dove la mancanza di lacrime provoca il continuo sfregamento della congiuntiva bulbare con la palpebra, con doppio effetto negativo, il "trascinamento" meccanico e l'infiammazione di questa regione.
congiuntivocalasia che cos'è

La presenza di questi pieghe nella congiuntiva cause a destabilizzazione del film lacrimale, il menisco lacrimale e il meccanismo di evacuazione lacrimale, provocando sensazione di corpo estraneo e lacrimazione oppure, aggravando la possibile secchezza oculare già esistente (1-5).

Quando questa entità viene identificata, viene stabilita una classificazione in gradi di gravità, il più utilizzato è il tavolo LIPCOF (Lid Parallel Conjunctival Folds), proposto da Höh (1995) (16), in cui alcune fasi e la sua relazione con l'occhio secco, con il rischio che appaia o peggiori, come indicato in tabella.

Tavolo congiuntivocalasia

I sintomi della congiuntivocalasi

In molti casi, nel fase iniziale della congiuntivocalasi nessun sintomo, ma man mano che le pieghe congiuntivali diventano più evidenti, il disagio aumenterà.

a identificare le pieghe mediante osservazione diretta con la lampada a fessura ma, se instilliamo fluoresceina, vengono osservati in modo più dettagliato e saremo in grado di valutare il tempo di rottura del film lacrimale (BUT), un test di base per vedere l'influenza negativa delle pieghe sulla stabilità della lacrima.

Attualmente abbiamo sistemi più sofisticati per valutare il film lacrimale, il menisco e la clearance lacrimale, abbiamo geometri per immagini a infrarossi e sistemi informatici di analisi che consentono di quantificare le alterazioni, aiutando la diagnosi e la valutazione dei trattamenti stabiliti.

diagnosi congiuntivocalasi

Nuovi topografi come l'Oculos Keratograph consentono di identificare il menisco lacrimale e di misurarne lo spessore e la distribuzione (linea bianca).

sintomi della congiuntivocalasia

L'incorporazione di nuovi sistemi di analisi nei topografi (Oculus), consente la quantificazione oggettiva del tempo di rottura lacrimale (BUT).

Trattamento della congiuntivocalasi

El il trattamento si basa sulla lubrificazione della superficie oculare usando gocce o unguenti artificiali e quando questi falliscono, si deve ricorrere al chirurgia della congiuntivocalasi. Fino a poco tempo si utilizzava la tecnica di Meller e Tseng (4), basata sulla resezione della congiuntiva in eccesso, ma i risultati non erano del tutto buoni, soprattutto perché il problema della mancata aderenza della congiuntiva e del tenone non veniva risolto, anche cauterizzare l'area esposta o impiantare la membrana amniotica (4-18) .

Chirurgia della congiuntivocalasi

È stato recentemente proposto combinare la resezione con l'uso di adesivi biologici per migliorare l'aderenza. I risultati pubblicati sono molto buoni, con un significativo miglioramento nella riduzione del disagio riportato dai pazienti (19-22).

Uno dei Vantaggi dell'utilizzo di adesivi biologici come la fibrina è che nel suo processo di polimerizzazione, si ottiene un effetto parallelo come anticoagulante, quindi in aggiunta a migliorare la tenuta delle incisioni e aderenza della congiuntiva al piano sclerale sottostante, l'emorragia sottocongiuntivale è prevenuta che comporterebbe il rilascio di fattori proinfiammatori e un ritardo nella guarigione del paziente (23,25). .

La nostra esperienza va su questa linea e quando vediamo a paziente con sintomi di occhio secco e calasia congiuntivale che non risponde alle cure mediche, proponiamo questo intervento chirurgico, ambulatoriale e poco traumatica, che offre ottimi risultati e una guarigione in 24 ore.

RIFERIMENTI:

  1. HughesWL. Congiuntivocalasi. Am J Oftalmolo. 1942;25:48–51.
  2. SL bosniaco, Smith BC. Congiuntivocalasi. Adv Ophthal Plast Reconstr Surg. 1984;3:153–155.
  3. Mimura T, Usui T, Yamagami S, et al. Emorragia sottocongiuntivale e congiuntivocalasi. Oftalmologia. 2009;116:1880–1886.
  4. Meller D, Tseng SC. Congiuntivocalasi: revisione della letteratura e possibile fisiopatologia. Surv Oftalmolo. 1998;43:225–232.
  5. Liu D. Conjunctivochalasis. Una causa di strappo e la sua gestione. Ophthal Plast Reconstr Surg. 1986;2:25–28.
  6. Li DQ, Meller D, Liu Y, et al. Sovraespressione di MMP-1 e MMP-3 da parte di fibroblasti congiuntivocalasi in coltura. Investi Oftalmolo Vis Sci. 2000; 41: 404–410.
  7. Francis IC, Chan DG, Kim P, et al. Studio clinico e istopatologico caso-controllato della congiuntivocalasi. Fr. J Oftalmolo. 2005;89:302–305.
  8. Di Pascuale MA, Spagna EM, Kawakita T, et al. Caratteristiche cliniche della congiuntivocalasi con o senza deficit lacrimale acquoso. Fr. J Oftalmolo. 2004;88:388–392.
  9. Otaka I, Kyu N. Una nuova tecnica chirurgica per la gestione della congiuntivocalasi. Am J Oftalmolo. 2000;129:385–387.
  10. Meller D, Maskin SL, Pires RT, et al. Trapianto di membrana amniotica per congiuntivocalasi sintomatica refrattaria ai trattamenti medici. Cornea. 2000;19:796–803.
  11. Kruse FE, Meller D. Trapianto di membrana amniotica per la ricostruzione della superficie oculare [in tedesco]. Oculista. 2001;98:801–810.
  12. Kheirkhah A, Casas V, Blanco G, et al. Trapianto di membrana amniotica con colla di fibrina per congiuntivocalasi. Am J Oftalmolo. 2007; 144:311–313.
  13. Kheirkhah A, Casas V, Esquenazi S, et al. Nuovo approccio chirurgico per la congiuntivocalasi superiore. Cornea. 2007;26:685–691.
  14. Serrano F, Mora LM. Congiuntivocalasi: una tecnica chirurgica. Chirurgia oftalmica 1989;20:883–884.
  15. Tseng SC, Prabhasawat P, Lee SH. Trapianto di membrana amniotica per la ricostruzione della superficie congiuntivale. Am J Oftalmolo. 1997;124:765–774.
  16. Hoh H, Schirra F, Kienecker C, et al. Le pieghe congiuntivali palpebrali parallele sono un sicuro segno diagnostico di secchezza oculare [in tedesco]. Oculista. 1995;92: 802–808.
  17. Haefliger IO, Vysniauskiene I, Figueiredo AR, et al. Cauterizzazione della congiuntiva superficiale per ridurre la congiuntivocalasi moderata. Klin Monbl Agenheilkd. 2007;224:237–239.
  18. Watanabe A, Yokoi N, Kinoshita S, et al. Studio clinicopatologico della congiuntivocalasi. Cornea. 2004;23:294–298.
  19. Brodbaker E, Bahar I, Slomovic AR. Nuovo uso della colla di fibrina nel trattamento della congiuntivocalasi. Cornea. 2008;27:950–952.
  20. Chan SM, Boisjoly H. Progressi nell'uso degli adesivi in ​​oftalmologia. Curr Opin Oftalmolo. 2004;15:305–310.
  21. Bhatia SS. Sigillanti e adesivi per superfici oculari. Nascondi Surf. 2006;4: 146–154.
  22. Linden R. Doss, MS,* E. Lauren Doss, MS,† e R. Philip Doss, MD, FACS‡. Conjunctivoplasty Paste-Pinch-Cut: Iniezione di sigillante di fibrina sottocongiuntivale nella riparazione della congiuntivocalasi. Cornea 2012;31:959–962
  23. Koranyi G, Seregard S, Kopp ED. Taglia e incolla: un approccio senza sutura e piccola incisione alla chirurgia dello pterigio. Fr. J Oftalmolo. 2004;88: 911–914.
  24. Duchesne B, Tahi H, Galand A. Uso di colla di fibrina umana e trapianto di membrana amniotica nella perforazione corneale. Cornea. 2001;20:230–232.
  25. Hattori R, Otani H, Omiya H, et al. Destino del sigillante di fibrina nello spazio pericardico. Ann Thorac Surg. 2000;70:2132–2136. Doss et al Cornea _ Volume 31, Numero 8, Agosto 2012 962.
Riassunto
Congiuntivocalasia e occhio secco
Nome articolo
Congiuntivocalasia e occhio secco
Descrizione
La congiuntivocalasia passa inosservata all'esame, tuttavia sappiamo che è importante nell'origine dell'irritazione cronica degli occhi e dell'occhio secco.
Autore
Nome dell'editor
Área Oftalmológica Avanzada
Il logo dell'Editor