L'aspetto di presbiopia È correlato al processo generale di invecchiamento e allo stesso modo in cui possiamo migliorare l'effetto dell'invecchiamento, possiamo anche fermare la presbiopia o ritardarne l'insorgenza e rallentarne l'evoluzione controllando i fattori che agiscono su di essa.

fermare la presbiopia o la vista stanca

Non esiste un'unica causa per la presbiopia

Un primo aspetto da tenere in considerazione nell'aspetto della presbiopia è la sua natura multifattoriale. Non esiste un'unica causa e ciò significa che il momento della manifestazione è diverso in ogni persona, anche l'evoluzione è diversa.

È vero che l'età costituisce l'asse principale nella genesi della presbiopia ma allo stesso modo l'età non colpisce tutti allo stesso modo e alcune persone sembrano avere una genetica che le protegge dal passare del tempo, lo vediamo anche nei meccanismi della presbiopia. il processo di invecchiamento dell'occhio, soprattutto nell'aspetto della presbiopia.

L'alimentazione gioca un ruolo importante nella presbiopia

Negli ultimi anni sono comparsi studi che dimostrano che una sana alimentazione, sport e dormire un minimo di ore fa bene alla salute e tra i fattori analizzati c'è la presbiopia, la sua comparsa è successiva e la sua evoluzione è più lenta. Sappiamo che il nutrizione è un fattore chiave e anche se non si può parlare di dieta universale (ogni gruppo di popolazione ha un tipo di dieta più benefica per la propria salute).

Aderendo al nostro ambiente, si può dire che la dieta mediterranea ha effetti benefici sul nostro organismo e a livello visivo sappiamo che la combinazione di frutta e verdura di diversi colori fornisce vitamine e minerali che sono molto benefici per il metabolismo cellulare del tessuti oculari e più specificamente per la superficie oculare e i meccanismi di accomodazione, in particolare l'equilibrio di omega 3 e omega 6.

Una dieta ricca di alimenti che forniscono omega 3 e povera di omega 6 è la chiave per rallentare l'invecchiamento e mantenere il corretto funzionamento del sistema di focalizzazione oculare e ritardare la comparsa e l'evoluzione della presbiopia. Sebbene non siano stati ancora pubblicati molti studi a dimostrarlo, l'esperienza ci mostra che i pazienti con abitudini alimentari che includono pesce grasso (3 volte a settimana), olio d'oliva, frutta secca e hanno eliminato l'assunzione di carne rossa (un massimo di 300 a 500 g al mese), presentano risultati migliori quando si analizza la loro capacità ricettiva e questo si traduce in una minore necessità di occhiali da vicino.

Protezione contro i raggi ultravioletti

Un altro fattore importante nella comparsa della presbiopia è l'esposizione ai raggi ultravioletti (UV), in particolare al sole. Sappiamo che le radiazioni UV hanno un effetto sulle cellule che accelera i meccanismi di invecchiamento e ci sono prove che dimostrano questo effetto sugli occhi, in particolare sul cristallino, riducendone la plasticità e la trasparenza, effetti che provocano una diminuzione della capacità di mettere a fuoco gli oggetti da vicino (presbiopia) e la opacizzazione del cristallino (cataratta).

Le radiazioni UV possono essere controllate utilizzando occhiali con filtri UV, soprattutto nei mesi estivi. estate, con un alto livello di irraggiamento, e in tutte le attività che svolgiamo durante le ore diurne, sportive in genere e con particolare attenzione quando siamo sulla neve o in spiaggia.

L'uso del computer contribuisce alla comparsa della presbiopia

Uno degli aspetti più rilevanti della presbiopia apparsi negli ultimi anni è quello relativo alla nostra attività professionale e alla utilizzo di computer, tablet e smartphone. Il fatto di mantenere lo sguardo sullo schermo a una distanza fissa non consente variazioni di messa a fuoco e l'obiettivo smette di lavorare sulla sua plasticità. Il meccanismo di messa a fuoco variabile, che comprende la lente, il legamento zonulare e il muscolo ciliare, "si blocca" su una certa distanza e perde gradualmente la sua capacità di mettere a fuoco molto vicino.

Non c'è dubbio che non cambieremo l'uso di queste tecnologie, quindi si consiglia vivamente di adottare una serie di misure per ridurne l'effetto negativo sull'alloggio. Il primo aspetto è non avvicinarsi troppo allo schermo, che il grado di contrasto non è molto alto, che la luce ambientale non è molto alta e soprattutto non passare molto tempo a fissare, è necessario variare il punto di vista fissazione frequentemente, alzarsi ogni 20 o 30 minuti e svolgere un'altra attività che prevede il guardare oggetti distanti e se siamo in una stanza dove le distanze non lo consentono alzare lo sguardo dallo schermo e passare un po' di tempo a guardare oggetti distanti , variando la posizione degli occhi su-giù destra-sinistra, come se stessimo eseguendo un "massaggio" dello sguardo.

Cosa fare quando compare la presbiopia

Sebbene queste raccomandazioni servano a ritardare l'insorgenza della presbiopia e ad arrestarne l'evoluzione, è vero che il complemento ideale è svolgere uno studio specifico della funzione visiva, dei meccanismi di accomodazione e della visione da vicino, a partire dai 40 anni, l'età inizia il suo deterioramento, per vedere quali fattori possono essere modificati e per stabilire esercizi per cui terapia della vista specifico per ritardare l'insorgenza della presbiopia. In alcuni casi mireranno a migliorare la profondità della messa a fuoco, in altri la sensibilità al contrasto o risoluzione centrale, aspetti diversi a seconda di ciascun paziente. La situazione di una persona che non ha mai indossato gli occhiali non sarà la stessa di una che soffre miopia o ipermetropia, la manifestazione e l'evoluzione della presbiopia saranno molto diverse.

Riassunto
Come fermare la presbiopia o la vista stanca
Nome articolo
Descrizione
La sua natura multifattoriale fa sì che non vi sia un'unica causa, rendendo necessario fermare la presbiopia da un esame approfondito da parte del professionista.
Autore
Nome dell'editor
Área Oftalmológica Avanzada
Il logo dell'Editor